La Vita nel Suolo

La Vita nel Suolo

Il suolo agricolo del nostro giardino o di un parco viene molto frequentemente considerato, sia da chi opera in modo professionaleo come semplice appassionato, un supporto quasi inerte nel quale le piante che desideriamo coltivare possano avere uno spazio per la loro crescita.

Sembra che una coltivazione o una pianta ornamentale non possano trovare nel suolo quanto serve per la propria crescita in salute: infatti una quasi incalcolabile quantità di prodotti fertilizzanti vengono commercializzati come necessario supporto per la crescita delle piante.
Mi occupo di tappeti erbosi da quasi trent’anni e devo ammettere che questo modo di pensare sopra descritto è stato una convinzione che mi ha sostenuto fino a 4 anni fa, fino a quando approcciarmi con la chimica è via via diventato sempre più ostile.
Da allora, grazie a chi molto prima di me ha colto questa mentalità, sono stato introdotto in un mondo per me fino a poco tempo fa inesplorato: la vita nel suolo. Le piante nel sistema suolo sono in grado in modo autonomo di controllare un equilibrio microbiologico che interagisce con esse fino a provvedere al loro sostentamento. In un grammo di “suolo”, ovvero il contenuto che riempie un cucchiaino da caffè, guardando con il microscopio possiamo trovare quantità sbalorditive di batteri, funghi, protozoi, nematodi e micro artropodi.
Torneremo spesso su questi argomenti: ho virgolettato il sistema suolo per introdurre questo concetto: ci sono suoli e c’è terreno inerte.Mentre un suolo è vivo, un terreno inerte è un supporto nel quale cerchiamo di coltivare le piante. Se la seconda opzione è la nostra condizione siamo costretti continuamente ad apportare fertilizzanti per lo più chimici che supportino la crescita delle piante.
NORDEST PRATI ha intrapreso ormai da 3 anni un percorso senza ritorno verso la sostenibilità: lavoriamo ogni giorno per molte ore al giorno nell’”ambiente”; è un dovere morale più che imprenditoriale perseguire obbiettivi che valorizzino processi evolutivi nel settore nel quale operiamo.

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *